domenica 10 novembre 2019

Cristiani perseguitati




Se leggiamo le statistiche sulla persecuzione dei cristiani nel mondo come le presenta


ci rendiamo conto di quanto sia esteso e profondo il fenomeno.

Calcolando che i cristiani nel mondo sono ca. 2 miliardi, cioè 2000 milioni, vediamo che un cristiano su 8 ha subito persecuzione nel 2018. Parliamo quindi di ben 245 milioni. Anche considerando che la popolazione totale mondiale è di quasi 8 miliardi a settembre 2019, 245 milioni di perseguitati sono pur sempre una fetta consistente. A questi vanno poi aggiunte anche altre religioni che vengono a loro volta perseguitate ed oppresse.

mercoledì 25 settembre 2019

La società civile ? Si grazie !




Questo termine ricopre, di fatto, tutti i tipi di associazione umane che non siano statuali, o pubbliche in senso giuridico.
È attraverso essa, la società civile, che le persone possono esprimersi al meglio, come anche le loro aggregazioni spontanee di ogni tipo.

Oggi, dove l’opinione pubblica è dominata fondamentalmente dai social, dove molti (o spesso troppi ?) partecipano al dibattito in pubblico, non è facile farsi valere senza usare teatralità, manipolazioni e quindi denaro.

lunedì 16 settembre 2019

L'Istituto Giovanni Paolo II per la Famiglia





Venerdì 13 settembre scorso ho inviato ad una trentina di persone una Mail personale con una mia presa di posizione sui fatti recentemente accaduti presso questa Istituzione Universitaria Pontificia romana.
Qualcuno dei destinatari - tutti colleghi teologi/filosofi che conosco da anni - ha ritenuto, senza chiedermelo, di passare il mio testo ad un giornalista.
Per me però la cosa finisce qui, con quella lettera privata agli amici e colleghi, e non intendo occuparmi ulteriormente della cosa in pubblico.

lunedì 2 settembre 2019

Lo Stato è diventato solo un’agenzia di servizi ?





Lo Stato contemporaneo di tipo costituzionale e democratico, tende, soprattutto attraverso i media, a presentarsi come La Società Umana.  Ciò che non è controllato dalle sue strutture non è da prendersi in seria considerazione.

L’idea di base è vicina a quella di Aristotele: solo la polis è società “perfetta”. I migliori tra i cittadini la gestiscono e i cittadini condividono questo potere attraverso la democrazia
Ma Aristotele non pensava che la città/stato potesse entrare negli affari delle famiglie e delle tribù, essendo queste aggregazioni ‘naturali’, previe alla città.
Aristotele riprende anche da Platone, almeno implicitamente, che i governanti della città ideale sono cittadini buoni moralmente, siano in definitiva modelli delle virtù riconosciute nella società degli uomini.

mercoledì 24 luglio 2019

Vacanze per pensare





            A voi non so, ma a me - che sono anziano - le settimane libere da ogni impegno istituzionale mi diventano sempre più care. D'accordo: mi fanno uscire dalla tensione giornaliera, dall'impeto delle scadenze, dagli obblighi di non dimenticare. Ma mi aiutano - oltre per il tempo che ho di sistemare le mie cartelle fisiche e mentali - soprattutto a cercare di cogliere il senso di tutta questa vita sempre sotto pressione.

venerdì 21 giugno 2019

La teologia morale di oggi




Dopo tre anni di lavoro è apparso in giugno 2019 il nuovo Dizionario S. Paolo TEOLOGIA MORALE

Non si tratta di un "prontuario del buon cristiano". Gli autori, ed i temi a loro affidati, rappresentano il vasto spettro della teologia morale italiana, che si è sempre distinta per la sua apertura al dialogo con le scienze umane e con la società civile.

La morale cristiana è presentata non come serie di proibizioni, ma come realizzazione delle Beatitudini Evangeliche e strada del Regno di Dio nella Storia.

É una prestigiosa impresa editoriale delle Edizioni S. Paolo in collaborazione con molti soci dell'ATISM (Associazione Teologica Italiana per lo Studio della Morale). Un'opera apparsa nella prima versione nel 1973, totalmente rifatta nel 1990 ed ora nuovamente ripensata ed offerta alla Chiesa Italiana che in questi 50 anni è sì cambiata, ma senza aver perso le sue radici umanistiche e cristiane.


Il linguaggio non è tecnicistico e permette di conoscere le posizioni cattoliche su molte questioni d'attualità e di senso della vita.


lunedì 27 maggio 2019

Europa ?


Europa ?

Se la guardiamo con il cuore, ci complichiamo la vita: al cuore non si comanda ed è difficile avere tutti lo stesso battito all’unisono.
Se invece la guardiamo con l’intelligenza, pensiamo dapprima che è un continente geografico abitato da centinaia di milioni di persone che negli ultimi 2000 anni hanno avuto una storia comune.